Le Grazie, inaugurazione di una mostra documentaria sul faro dell’isola del Tino

Fonte: www.gazzettadellaspezia.it

L’inaugurazione di una mostra documentaria sul faro dell’isola del Tino; laboratori marinareschi per i ragazzi, report del Museo Navigante sul periplo d’Italia, fino a Séte in Francia, per mettere in rete i musei del mare; parata di vele latine in omaggio al presidio per la sicurezza per la navigazione, al suo pioniere San Venerio.

Sono gli appuntamenti dell’evento ‘Sentinelle dell’infinito’ promosso dall’associazione Il Mondo dei fari, dal Cantiere della Memoria, dal Circuito sulla Rotta dei leudi e dal Museo Navigante in programma il 5 e 6 maggio alle Grazie, col supporto tecnico di Pro Loco Grazie, Sezione velica della Forza e Coraggio, Cai e società Porto Venere servizi portuali turistici (partener istituzionali Comune e Parco, Capitaneria, Pro Insula Tyro).

L’INIZIO è fissato alle 15 di sabato 5 con l’arrivo nel porto antico delle Grazie delle vele latine, delle golette Oloferne e Pandora e della caracca Quinto Remo per dar vita nel borgo, a cominciare dalle 16, ad una ‘cartolina’ pulsante di amore per la marineria. Uno scenario spettacolare nel quale si collocheranno i laboratori didattici per i ragazzi e le visite alle imbarcazioni storiche.

Seguirà alle 18,30 l’inaugurazione della mostra al Cantiere della Memoria sulla storia del faro del Tino: un piccolo allestimento per attirare le attenzioni sull’esperienza museale apertasi sull’isola. Alle 21,30, nell’ex convento dei frati Olivetani, l’illustrazione, con filmati e testimonianze, dell’esperienza sviluppata dal Museo Navigante, dei risultati raggiunti e dei programmi futuri; proiezione anche di un filmato sul faro del Tino.Il giorno successivo navigazione delle vele latine fino all’isola (con sbarco esclusivo degli equipaggi) per un omaggio al faro, alla sua storia e agli operatori dei Marifari che ne garantiscono il funzionamento, sulle orme di San Venerio.