Cinque offerte per il faro dell’Argentario

Fonte: iltirreno.gelocal.it

Sono 23 le proposte arrivate per la terza edizione del progetto del Demanio: la maggior parte per la struttura gioiello di Punta Lividonia

Sono 23 le proposte arrivate per la terza edizione del progetto Valore Paese-Fari destinato al recupero e il riuso di 9 fari, torri ed edifici costieri di proprietà dello Stato, strutture di pregio storico e paesaggistico situate da nord a sud lungo le coste italiane. L’annuncia l’Agenzia del Demanio.

I bandi si sono chiusi il 29 dicembre ed è stata avviato l’esame delle offerte che saranno valutate secondo il criterio dell’offerta “economicamente più vantaggiosa” attribuendo un punteggio pari al 70% agli elementi tecnico-progettuali, e un punteggio pari al 30% agli aspetti economici.

A ricevere più proposte – in tutto 5 – è stato il faro di Punta Lividonia a Porto Santo Stefano. Seguono il faro di Capo Santa Croce ad Augusta, provincia di Siracusa (4), 3 per il Faro Punta Marsala sull’isola di Favignana (provincia di Trapani),per il Faro di Capo d’Orlando a Messina e per l’Isola di San Secondo nella Laguna di Venezia, 2 per la Torre Cupo di Corigliano Calabro (Cosenza) e un’offerta rispettivamente per il Faro del Colle dei Cappuccini ad Ancona, la Torre Monte Pucci a Peschici (Foggia) e il Faro Punta Omo Morto a Ustica (Palermo).

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?