“La canzone del Nord”: un’incantevole fiaba

Articolo di Alessandra Levantesi Kezich
Fonte: www.lastampa.it

Nella mitologia celtica le sirene si chiamano selkie, termine che significa foca e indica il regno di appartenenza di queste misteriose creature, mezze umane e mezze animali. Ispirato dalle antiche leggende, e con l’occhio ai poemi del conterraneo William Butler Yeats, il regista irlandese Tomm Moore le ha suggestivamente rivisitate in cornice contemporanea, realizzando un cartone animato di incantevole gusto pittorico (il direttore artistico è Adrien Merigeau) che offre allo spettatore una totale immersione in un poetico mondo di fantasia, senza trascurare l’importanza del traino di una storia ben narrata.

Qui c’è una mamma che una notte sparisce lasciando affranto lo sposo, guardiano del faro, e i due figlioletti. Per trovare risposte all’inspiegabile, Ben e la sorellina muta Saoirse dovranno affrontare fra tempeste e notti di calma celestiale un epico viaggio in un fatato reame marino popolato di strani dei, fate e una strega-gufo terrorizzante ma meno cattiva del previsto. La magnifica colonna sonora mescola la musica di Bruno Coulais alle melodie gaeliche della band folklorica Kila imprimendo al racconto una struggente, rarefatta atmosfera di ballata.