Restauro finito: il faro torna ai colori originari

Articolo di Viviana Zamarian
Fonte: messaggeroveneto.gelocal.it

Lignano, sono terminati i lavori di restauro di uno dei simboli per eccellenza della riviera friulana

Il vecchio faro di Lignano è tornato al suo antico splendore. Sono terminati, infatti, i lavori di restauro di uno dei simboli per eccellenza della riviera friulana.

Un intervento che per essere avviato ha richiesto un lungo iter burocratico in cui sono stati coinvolti il Comune, la Regione, il compartimento marittimo di Monfalcone, l’ufficio del Genio civile opere marittime, l’agenzia del Demanio di Udine, la capitaneria di porto, il ministero dei Trasporti e della Navigazione.

Con i conseguenti incontri, dispacci, annotazioni, carte che per almeno tre anni hanno bloccato l’opera che ha previsto una spesa di 60 mila euro finanziati dal Comune.

Ora finalmente cittadini e turisti possono ammirarlo nella sua nuova veste. Già, perché il faro, costruito nel 1928, è stato riportato al colore originale a strisce bianche e rosse. Un modo per distinguerlo dalla sua copia realizzata alla fine della passerella in legno una quindicina di anni fa.

Non nasconde la soddisfazione l’assessore Paolo Ciubej. «Con la conclusione dei lavori, viene restituito ai residenti, ai turisti e in particolare agli amanti del faro rosso, che hanno aperto anche una specifica pagina su Facebook – afferma – uno dei simboli della nostra meravigliosa città.

Lignano coglie questa occasione per esprimere gratitudine a Doriano Moro, per la tenacia e la costanza con la quale si è adoperato per impedirne la demolizione». E l’auspicio ora è che nessuno lo deturpi con scritte o disegni come era accaduto in passato.

«Ora che il faro è tornato al suo antico splendore – conclude Ciubej – spetta a noi tutti salvaguardarlo da atti di vandalismo come un grande bene che appartiene a tutta la comunità».

E così questo luogo tra i più suggestivi della riviera friulana torna a essere meta di tutti gli appassionati fotografi che in passato l’hanno immortalato d’inverno come d’estate, di sera e di giorno, nelle giornate di pioggia e in quelle di sole, all’alba o al tramonto, con l’alta e la bassa marea, sotto un cielo azzurro o gonfio di nuvole condividendo poi i loro scatti nei social.

Le prima foto sono già comparse nel gruppo “Gli amanti del faro rosso”, animato da Patrizia Chiarparin, che oggi conta su Facebook 411 iscritti. È l’inizio di una nuova storia per il vecchio faro di Lignano.

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?