Da diplomatico a imprenditore alberghiero

Articolo di Alessandro Luongo
Fonte: nuvola.corriere.it

articoli_da-diplomatico-a-imprenditore-alberghiero_01

Dal 1991 sognava di recuperare il Faro di Spartivento: ci è riuscito nel 2007,  quando l’ha trasformato in una spettacolare “guest house” con sei posti letto. Alessio Raggio ha così cambiato vita, finalmente.

Nato a Cagliari nel marzo 1969, dopo la maturità scientifica si laurea in Scienze politiche all’Università di Cagliari, con 110 e lode. L’anno seguente frequenta un Master in Diritto internazionale alla Sorbonne di Parigi e subito dopo un altro alla Luiss di Roma per la preparazione all’esame di diplomatico.

«L’idea, in effetti, era di seguire quella carriera- confessa- contagiato dalla passione di mio padre Andrea per le istituzioni internazionali, giacché è stato per cinque anni anche questore al Parlamento europeo di Strasburgo». In realtà non ha nemmeno tentato di dare il concorso, perché si rende conto che l’ambizione è un’altra.

La sua vera passione era l’hockey su prato, «la mia vera droga; vivevo dentro lo stadio Amsicora di Cagliari, mi allenavo per cinque o sei ore il giorno, e tutti i miei migliori amici provengono da quel mondo».

Proprio in quello stadio, l’imprenditore Raggio apre la sua prima attività commerciale, nel 2000, inaugura così un centro sportivo ancor oggi attivo, sotto le gradinate fatiscenti e abbandonate. Uno sporting center, tuttora fra i maggiori della Sardegna, e che segna anche una svolta importante per il suo orientamento imprenditoriale.

Intuisce difatti «che la passione che avrebbe sostituito l’hockey col tempo sarebbe stata di recuperare posti abbandonati e trasformarli in cose vive ed esperienze per me uniche».

La motivazione così non manca. Nel 1991 aveva in effetti già fatto domanda per il Faro di Spartivento. «Il Demanio non mi risponde per dieci anni, poi un giorno arriva una raccomandata che m’invita alla gara». 

Nel frattempo una tragedia lo motiva ancora più a recuperare la vecchia struttura fatiscente e abbandonata da 45 anni (rimasto in consegna al Ministero della Difesa – Ramo Marina fino al 2003, quando è stato dismesso e riconsegnato allo Stato).

articoli_da-diplomatico-a-imprenditore-alberghiero_02

Il fratello Luca, maggiore dei tre, muore proprio sotto il faro in una battuta di pesca subacquea. «Mi trovavo in Olanda con la nazionale di hockey per un raduno, e quel lutto cambiò per sempre la vita mia e della mia famiglia, che in onore in di mio fratello creò la Fondazione Solidarietà e diritti Luca Raggio».

La volontà di realizzare l’impresa diventa ancora più ferrea a questo punto. Alessio partecipa alla gara a offerte (al progetto “Valore Paese-Fari” del Demanio). «Vinco anche il quarto lotto e investo tutto i proventi dei miei due locali sulla ristrutturazione».

L’imprenditore sardo nei primi anni 2000 aveva difatti lanciato due attività nel centro storico di Cagliari, il Caffè del Candia, e il Caffè degli Spiriti sulla terrazza del Bastione Saint Remy (il primo ebbe una recensione di mezza pagina sul New York Times). 

Entrambi i locali sono ancora attivi. Sul Faro punta tutto, malgrado «assurdi blocchi e deliri tipici italiani che mi bloccano per quattro anni». Vince inoltre il bando della legge 488 turismo, «che mi faccio anticipare dalla banca e che mi viene in gran parte divorata dalla stessa con interessi passivi (ben 180.000 euro), perché il ministero per anni non aveva più fondi e aveva così bloccato le erogazioni».

Insomma, Raggio indebolisce le società titolari dei locali (sanissime), accende un mutuo di liquidità sulla sua casa di proprietà, ipotecandola. Questa e altre peripezie, finché nel 2007 apre la “casa per gli ospiti”, il Faro di Capo Spartivento, sull’omonimo promontorio, in località Chia, a 50 km dall’aeroporto e dalla città di Cagliari.

Nasce così una guest house di lusso con 6 camere senza reception né menù fisso. «Si è accolti dal maggiordomo e lo chef cucina in base alle esigenze di ognuno». Per intenderci, il Faro si appoggia anche a due pescherecci che procurano il pesce fresco ogni giorno. Poi si cena dove si vuole, in terrazza davanti al mare, o in salone.

Il tam tam su una struttura così piccola dà risultati straordinari in breve tempo. «Hanno soggiornato qui eccellenze mondiali dell’imprenditoria, arte, medicina, premi nobel. Da quasi otto anni andiamo davvero alla grande». 

Raggio ha anche ricevuto un importante riconoscimento dalla Marina Militare per il recupero della struttura. Non solo. «Diversi ospiti importanti mi hanno proposto di sviluppare per loro conto progetti di recupero di particolari proprietà, e in tre casi ho accettato, realizzando e aprendo su commissione guest house in Svizzera e Italia».

Al momento il Faro (Alessio versa al Demanio un canone di locazione annuo di 36.000 euro per un periodo di sei anni, rinnovati alla scadenza, di altri 19) è aperto da metà febbraio sino alla fine di ottobre. «Dal prossimo anno, però, grazie alla partnership con un nuovo importante socio saranno ristrutturati gli ex alloggi semaforisti che amplieranno le camere a dieci, e sarà aperto tutto l’anno».

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?