I fari più belli d’Italia: da Trieste all’Isola del Tino

Articolo di Michele Iacovone
Fonte: urbanpost.it

Il faro è sempre stato un simbolo di guida e speranza, i naviganti lo usano per orientarsi ormai da secoli e il loro fascino resta immutato nei decenni: ecco 7 fra i più bei fari d’Italia

Il faro, nell’immaginario collettivo, è sempre stato un simbolo di speranza, una rotta da seguire nel buio di una tempesta, in grado di farci strada nella nebbia. Nel nostro paese ne esistono molti e tutti con una storia diversa. La redazione di Urban Viaggi ha voluto selezionare 7 tra i fari più belli d’Italia.

– Il faro di Capo Caccia: nasce sul promontorio di Capo Caccia, nella Sardegna nord-occidentale, vicino ad Alghero. La torre venne costruita nel decennio a cavallo fra gli anni ’50 e ’60, anche se sullo stesso promontorio era già presente un faro più antico risalente al 1864.

– Il faro di Capo Sandalo: si trova sull’isola di San Pietro, sopra un promontorio roccioso. La torre circolare raggiunge un’altezza pari a 30 metri ed è stato reso operativo dal Genio Civile nel lontano 1864.

 Il faro della Vittoria: questo faro si trova a Trieste ed è stato costruito in circa quattro anni; dal 1923 al 1927 dall’architetto Arduino Berlam. Questa costruzione non era solo un classico faro, ma, ad oggi, è anche un monumento alla memoria dei caduto nel Golfo di Trieste durante la Prima Guerra Mondiale.

– Il faro di Ponza: situata sull’Isola di Ponza, questa costruzione risale al 1858, dal 1954 la struttura ha subito alcuni danni dovuti probabilmente all’instabilità stessa delle fondamenta ed è stata resa inagibile fino al suo completo recupero che la resa nuovamente operativa a partire dal 1959.

– Il faro di Punta Carena: si trova sull’Isola di Capri ed è operativo dal lontano 1867. A costruirla furono degli ingegneri borbonici e ad oggi risulta fra i più imponenti fari d’Italia, recentemente è stato anche ridipinto di rosso e bianco.

– Il faro di Stromboli: si trova sullo scoglio di Strombolicchio e iniziarono a costruirlo nel 1920. Per ultimarlo e renderlo operativo è stato necessario costruire una gradinata da 200 scalini e una terrazza apposita. È una torre alta circa 8 metri e a base circolare. La lanterna è alimentata da pannelli solari.

– Il faro di San Venerio: si trova sull’Isola di Tino, Porto Venere, ed è stato costruito su richiesta di re Carlo Alberto nel lontano 1840 per guidare le navi tra la Lanterna di Genova e il Faro di Livorno. Dopo molte ristrutturazioni, ora la struttura vanta un sistema completamente automatico ormai in vigore dal 1985.

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?