Ambiente: a Tunisi conferenza su progetto Ue Med-Phares

Fonte: www.ansa.it

Rete dei fari Med coinvolge Sardegna, Francia, Tunisia, Libano

TUNISI, 16 NOV – Appuntamento oggi a Gammarth con la Conferenza internazionale del progetto finanziato dall’Unione europea ”Med-Phares”, nato nel 2014 per la creazione di una rete internazionale per la messa a punto di strategie per conservare, recuperare e valorizzare fari e stazioni semaforiche e rendere così questo patrimonio un’attrazione a livello mondiale.

Il progetto coinvolge Francia (con i semafori de La Mortella e di La Pietra, in Corsica, e il faro di Grand Rouveau), Tunisia (isole di La Galite, Zembra e Zembretta), Libano (faro della città di Tiro) e Sardegna (con le tre stazioni semaforiche pilota di Sant’Elia-Cagliari, Sant’Antioco e Asinara).

Fondamentale per il successo dell’iniziativa dell’Unione europea è il coinvolgimento dei cittadini. Il programma infatti mira ad innescare processi di partecipazione e condivisione con i portatori d’interesse locali. La conferenza di Tunisi, incentrata sulla definizione delle strategie del progetto Med-Phares, è organizzata dall’Apal (Agence de protection et aménagement du Littoral), ente pubblico che si occupa della gestione del demanio marittimo tunisino e la conservazione delle spiagge e degli ecosistemi del Paese nordafricano. (ANSAmed)

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?