Il faro

Poesia di Sabina Biasuzzo

…e tu sarai chiuso nel tuo faro,
starai leggendo qualche libro avvincente,
con un bicchiere di vino accanto.

Ogni tanto ti fermerai a contemplare le stelle,
sorseggiando il vino,
tirerai una boccata
dalla tua sigaretta,
e riprenderai a leggere…
in una notte di buio senza luna
piena di stelle.

Silenzio.
Solo la risacca del mare notturno
a sottolinearlo.

Silenzio.
Né telefoni,
né computer,
né internet,
forse musica.
Sì la musica sì,
non si può vivere senza.
Facciamo pure che hai trasferito lo studio là,
e là ogni tanto ascolti,
e sperimenti e componi e checazzoneso.

Ma ci sono ancora i piccioni viaggiatori
come ai tempi degli antichi,
ed io in terrazza ne avrò 20 o 30 ..mila…
uno per ogni giorno che starai là dentro,
e ogni giorno ti scriverò una poesia,
e aspetterò…
ogni tanto un piccione con sé porterà un buon Cabernet,
sono piccioni da campione i miei,
sfidano le distanze,
le tempeste,
i sentimenti di solitudine troppo profondi,
per ricordare che sì, in fondo non siamo isole,
e che la gente intorno a te ti aspetta,
e chi lo sa,
magari una volta mi tornerà un piccione
con un invito a cena …
o forse inviterai solo i tuoi amici
per un Capodanno…
ed io dovrò dimenticarti…

Ma ci sono sempre i miei piccioni
i miei 20 o 30 .. mila
che continueranno a venirti a trovare…
nel faro…

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?