Asinara, il Ministero della difesa vende il faro di Punta Scorno

Legambiente: “Proposta indecente. Su quell’isola c’è un parco anche se non si vede”

Il Ministero della difesa mette in vendita l’antico faro di Punta Scorno all’Asinara, con finalità turistico alberghiere, nell’ambito del piano di dismissioni dei suoi immobili. Una proposta indecente secondo Legambiente, che sottolinea l’assenza in questo dibattito della principale parte in causa: l’ente parco dell’Asinara.

“Il parco, purtroppo, passa da un commissario all’altro e sembra non dover trovare pace – dichiara Sebastiano Venneri, vice presidente dell’associazione ambientalista –. E’ il primo ente che il ministero avrebbe dovuto consultare prima di formulare il suo progetto di vendita e riconversione del faro. Si moltiplicano le proposte di questo o di quell’esponente di governo per il futuro dell’Asinara; ora è la volta del sottosegretario Crosetto, qualche mese fa è stato il ministro Alfano a lanciare l’ipotesi di riattivare il carcere di massima sicurezza sull’isola. Tutte idee per un futuro di là da venire ma nessuno che si preoccupi del presente dell’isola, fatto di abbandono, di commissariamenti e di scarsa attività istituzionale”.

“La proposta del sottosegretario – aggiunge il presidente di Legambiente Sardegna Vincenzo Tiana – cozza con lo statuto autonomo della Regione che prevede il passaggio automatico dei beni ceduti dallo Stato alla Regione”.

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?