Il faro voltiano

Località: Brunate
Lat.: 45° 49.5’N
Long.: 9° 5.8’E

Il faro si trova a Brunate, frazione di S. Maurizio.
Fu eretto, così come il “Tempio voltiano”, nel 1927 per onorare Volta nel centenario della sua morte e per celebrare il recente avvento di una moderna rete per l’illuminazione e per la diffusione della corrente elettrica nella città di Como.

La torre, progettata dall’ingegner Gabriele Giussani, è alta 29 metri e, nella notte, la sua luce è visibile a cinquanta chilometri di distanza.
La costruzione, a base ottagonale ha all’interno una scala a chiocciola di 143 gradini che permette di raggiungere la cima dove, in una limpida giornata, è possibile ammirare oltre che la città di Como con le sue piazze ed il suo maestoso Duomo, anche le ville di Cernobbio, Chiasso e, alzando lo sguardo, lo spettacolare panorama offerto dalle Alpi.

Il faro, divenuto il simbolo di Brunate, ricorda un’importante tappa nel cammino dell’umanità, un cammino che dall’invenzione della pila ha preso forza e coscienza. Come ha detto Einstein giunto nel settembre 1933, in visita al Tempio voltiano, “La pila è la base fondamentale di tutte le invenzioni”.
L’accesso all’interno della torre è consentito nei giorni festivi.