Iliade, libro XIX, vv. 363-391

Tratto da l’Iliade di Omero
Trad. it. di Vincenzo Monti

Folgora ai lampi dell’acciaro il cielo
e ne brilla il terren, che al calpestìo
delle squadre rimbomba. In mezzo a queste
armasi Achille. Gli strideano i denti,
gli occhi eran fiamme, di dolore e d’ira
rompeasi il petto; e tale egli dell’armi
vulcanie si vestìa. Strinse alle gambe
i bei stinieri con argentee fibbie,
pose al petto l’usbergo, e di lucenti
chiovi fregiato agli omeri sospese
il forte brando; s’imbracciò lo scudo,
che immenso e saldo di lontan splendea
come luna, o qual foco ai naviganti
sovr’alta apparso solitaria cima,
quando lontani da’ lor cari il vento
li travaglia nel mar: tale dal bello
e vario scudo dell’eroe saliva
all’etra lo splendor. Stella parea
su la fronte il grand’elmo irto d’equine
chiome, e fusa sul cono tremolava
l’aurea cresta. In quest’armi il divo Achille
tenta se stesso, e vi si vibra, e prova
se gli son atte; e gli erano qual piuma
ch’alto il solleva. Alfin dal suo riservo
cavò l’immensa e salda asta paterna,
cui nullo Achivo palleggiar potea
tranne il Pelìde, frassino d’eroi
sterminatore, da Chiron reciso
su le pelìache vette, e dato al padre.