La leggenda del faro

Romanzo di Dario Alfonso Ricci
Fonte: www.letteraturaalfemminile.it

Il vecchio nonno Carlo era un piccolo impresario edile venuto dalle campagne del senese a cercare lavoro e fortuna sulla costa. Qui sul mare, nei rari momenti di sosta fra uno scavo di fondamenta e un’intonacatura di facciata, se ne andava col suo barchino a pescare tra gli scogli e le calanche sabbiose del litorale.
Fu con lui, un giorno lontano della mia infanzia, che andai a calare un palamito sotto il promontorio del faro, dove finisce la terra e inizia l’infinito mistero dell’oceano.
Dal barchino, il nonno levò la mano ad indicarmi la svelta altera sagoma del faro, dipinta a fasce rosse e bianche, immota e viva.
“Molti anni fa sono stato lassù con quindici operai. Abbiamo rimesso a nuovo la torre e il casamento.
Si dormiva per terra su pagliericci portati dai militari, si mangiava il rancio come nel  ’15 nelle buche dell’Isonzo e meno male che non c’erano i cecchini che sparavano.
Però, non so perché, la notte in quel luogo c’era un po’ di paura, specie quando il tempo era cattivo, o quando c’era la nebbia e il segnale ci urlava nelle orecchie. Che roba, nipote….”
Avevo sette, forse otto anni. Non ricordo il resto dei discorsi del nonno, ma il faro m’incute ancora rispetto anche quando lo vedo da lontano, le rare volte che ritorno da queste parti.
È stato l’anno scorso, tornato qui per le vacanze a smaltire nel mare estivo la stanchezza di terre lontane e di lavoro invernale, che mi sono deciso ad affrontare da vicino il faro del promontorio.
Con la mia nuova barca ho ripercorso quelle acque della mia infanzia, e vinta ogni paura del mistero, sono sceso a terra, ho fatto la grande arrampicata lungo il sentiero che porta al faro, e qui ho incontrato due persone dolcissime che, con la saggezza della loro vecchiaia felice, mi hanno svelato la leggenda del faro e hanno disperso le insicurezze e i timori della fanciullezza.
La leggenda del faro: in essa è forse la chiave di tante verità della vita che gli uomini non sanno più vedere, o almeno non sanno più apprezzare. […]

“Venerdì’ 13 agosto 1896 ore 06.10, spento riflettore, vento da maestrale a 10 nodi, mare calmo, cielo sereno, visibilità buona, nave a vela incagliata sulle secche, mi reco sul posto per verifica di controllo”.
Prese le scale e con passo svelto scese giù.
In poco meno di dieci minuti era sulla spiaggetta sottostante, varò la piccola lancia a remi e vela che aveva a disposizione, uscì remando per qualche decina di metri, e poi issò la vela.
La barca si trovava incagliata sugli scogli esistenti mezzo miglio fuori il promontorio di Capo Arocco, il vento di maestrale era moderato ma pressoché di prua alla lancia del farista, quindi lo costrinse a bordeggiare, poi decise di allargarsi, prendere il vento al lasco, superare la secca sul lato Nord, virare e raggiungere la barca incagliata con il vento in poppa. Doveva stare attento Luigi, si sarebbe potuto trovare in grave pericolo se avesse danneggiato la propria lancia, magari finendo anche lui sugli insidiosi scogli.
Non sapeva ancora che gli scogli; il vento e la natura l’avrebbero invece protetto ed aiutato, come del resto avevano protetto fermando e cullando quella barca incagliata sulla secca.
Navigava veloce spinta dalla fresca brezza di maestrale la barca del farista, e Luigi la pilotava con bravura e prudenza. Era li Luigi, teso e preoccupato, con quella barchetta in mezzo al mare aperto, elegante e bello con quella sua divisa pulita e stirata, ingallonato con gradi da brigadiere, rappresentava in quel momento la sua Marina ed il suo faro, unica istituzione del luogo, era in veste ufficiale lui; il guardiano del faro era sceso dal suo eterno presidio per andare a controllare una situazione non chiara.
Ogni tanto si voltava a guardare in lontananza la maestosità e la bellezza del promontorio. […]

Il buio della notte oramai era sceso, nel cielo a causa delle nuvole non erano visibili né luna e né stelle, l’unica cosa che confortava Fausto era la potente luce del faro, che con i suoi lampi, lo incoraggiava ad andare avanti, ma con quel buio era pressoché impossibile scorgere i due naufraghi, ammesso che fossero ancora vivi.
Il vento era aumentato, ora nebulizzava gli schizzi dell’acqua e li faceva volare velocemente di poppavia, l’acqua fredda e pungente spinta dalle forti raffiche di vento sferzava il viso di Fausto e quasi gli toglieva il respiro.
In quel momento regolandosi con la luce del faro e la bussola, il farista stimò che all’incirca doveva essere sulla posizione dove, dalla plancia del faro, aveva avvistato i due piloti, pensò però che la forte corrente presente gli avesse spostati di diverse centinaia di metri in direzione Sud Est, e quindi in direzione del grande canale, che una volta scapolato il promontorio di Capo Arocco si allargava aprendosi al mare aperto e alle acque internazionali.
Decise così di accostare dolcemente a Sud Est, e procedendo più lentamente cercava di girare in circolo così da coprire ogni giro che faceva un raggio di 50 60 metri, la situazione era molto difficoltosa, quando il gozzo mostrava i fianchi al traverso del mare le rollate divenivano terribilmente grosse e pericolose, Fausto che spesso rischiava di essere sbalzato in mare, aveva indossato un salvagente a giubbotto, e con una sagola si era legato alla bitta della barca, ora usando la potente lampada in dotazione perlustrava la superficie del mare circostante, e spesso con occhio attento controllava osservando la bussola e i lampi del faro che la corrente non lo portasse fuori posizione.

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?