Stromboli

Drammatico (Italia, 1949)
B/N 107′
Regia: Roberto Rossellini
Soggetto: Roberto Rossellini
Sceneggiatura: Roberto Rossellini, Sergio Amidei
Prodotto: Roberto Rossellini
Interpreti: Ingrid Bergman, Mario Vitale, Mario Sponzo

Tra le centinaia di donne che vivono in un campo di prigionia presso Roma c’è Karin, una giovane, bellissima donna ceca. E’ solitaria, e il suo unico amico è Antonio, un prigioniero di guerra. E’ un pescatore della Sicilia, che aspetta con ansia l’ora della liberazione e chiede ripetutamente a Karin di sposarlo. Tuttavia, i piani della ragazza sono diversi, e solo quando si rende conto di non poterli realizzare, lei cede alle richieste di Antonio, appena questi ottiene la libertà di lasciare il campo.
Antonio porta la sua giovane moglie al suo paese natale su un’isola quasi deserta, dominata dal cupo profilo del vulcano Strombo li; Karin rimane pietrificata. La povertà del luogo e l’animosità delle donne locali la deprimono a tal punto da chiedere al marito di lasciarla andare via. Antonio, che all’inizio era gentile ed amorevole, le spiega che ormai lei è sua moglie e deve quindi rimanere nella sua casa. Persino il prete del paese (al quale Karin confida i suoi problemi) non capisce i suoi desideri di fuga.
Altri giorni passano prima che lei ritenti la sorte con il prete. Questa volta viene rimpro verata e riceve una lezione su quali siano i suoi compiti, e sul fatto che lei se li sia assunti volontariamente con il matrimonio. Dopo questo rimprovero, diventa amica del giovane guardiano del faro dell’isola. Naturalmente Antonio scopre questa nuova amicizia e questo conduce ad una violenta lite tra lui e Karin.
Alla fine della stagione della pesca Antonio si è fatto un piccolo gruzzolo e la sua gioia ed eccitazione aumentano quando Karin gli dice di aspettare un figlio.
Tuttavia, non c’è ancora pace fra i due giovani. Un giorno violente scosse fanno tremare l’isola, annunciando un’eruzione del vulcano. Le scene conseguenti, il rosso della lava incandescente, la caduta di cenere e lapilli, la disperazione della gente mentre tenta di scappare alla spiaggia per salvarsi con le barche sconvolgono in maniera indelebile la ragazza. Decide quindi di non portare il figlio in questo inferno in terra.
Incontra quindi di nuovo il suo amico guardiano del faro, che non può resistere alle sue labbra. Le regala il denaro necessario per scappare a Napoli. Felice ed in gran fretta raccoglie le sue cose e inizia il suo cammino, che la porta ad avvicinarsi ai crateri di Stromboli. Tuttavia, esausta per la salita e per il calore oppressivo, quasi soffocata dai fumi del vulcano, sviene.
Quando i raggi del sole nascente la svegliano, tutto il mondo le sembra trasformato. Non capisce più come mai il suo cuore era così di amarezza il giorno precedente, e perché una indicibile disperazione l’avesse fatta fuggire. Sente la vita crescere dentro di lei, e non riesce pensare ad altro che alla sua responsabilità verso questo nuovo essere umano. Lentamente, ritorna felice alla sua piccola casa che, da ora i n poi, sarà tutto il suo mondo e la sua sua felicità.

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?