Il faro costiero

Articolo di di Giuseppe Librizzi
Fonte:
In Comune

L’estremo lembo del Capo d’Orlando, con i ruderi del castello e ai suoi piedi, il faro costiero

Il Faro, prospiciente il mare e in faccia alle Eolie è stato individuato ed evidenziato con documentazione fotografica nel sommario inventario, allegato alla “Relazione generale illustrativa” dello strumento urbanistico vigente (P.R.G. Calandra) quale architettura d’epoca inserita in un paesaggio naturale da proteggere, insieme al territorio.

l complesso edilizio che è stato oggetto di intervento di restauro conservativo all’inizio degli anni ’90, risale alla fine del 1800, ed è costituito da due corpi.

Quello di ponente ospita gli Uffici del Delegato di spiaggia, mentre l’altro che accoglie anche la torre del Faro, è usato solamente per le funzioni istituzionali di segnalazioni per la navigazione e non è abitato dal “guardiano”.

Si è dell’idea di allestire nei locali non utilizzati, una esposizione di oggetti legati alla conoscenza del così detto “semaforo” ripercorrendo la storia, l’evoluzione della “l’alterna” e dei luoghi utilizzati come punti strategici per l’osservazione del mare, del suo traffico e delle coste.

0
Connessione
Attendere...
Messaggio

Il guardiano non è online al momento: lascia un messaggio.

* Nome
* Messaggio
Login now

Need more help? Save time by starting your support request online.

Your name
Describe your issue
Chat online
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?